De contemptu

Autore

Pagine

pp. 120

15,00

COD: ISBN 9788870189612 Categoria:

Descrizione

C’è chi attende la liberazione dal sapere come un tempo si attese la venuta del Cristo: a corrispondere nei dettagli a questa che pare un’affermazione perlomeno strana è Carulli in questo suo nuovo densissimo scritto. Allora le nobili ovvietà che pimentano la civiltà sono inondate da una luce livida che ha per precedente il primo grande odio rimosso dalla civiltà stessa: quello provato dal Cristo sulla Croce nei confronti del Padre. Da lì si dipartono e si intrecciano infiniti cammini che pensavamo essere privi di incroci tra loro. E che giungono sino a noi: la secolarizzazione – per azzardare una definizione di questo concetto confuso – diviene così l’Età in cui il distacco dal Padre si sta producendo, ora, sotto i nostri occhi. Questo perché – e a questo serve allora questo saggio (che sceglie come guida – tra gli altri – l’ultimo Schelling) – non v’è cosa più drammatica della contemporaneità a Cristo: essa è lo stigma della disfatta incombente che investe ed investirà sempre la storia, l’umanità tutta, la filosofia stancatasi una buona volta di sapere. Indovinare dove e come tenderà quella a prodursi ora, è facile come ai tempi dei re di Francia indovinare quale delle mazarinettes dovesse rimanere incinta per prima. Detestarla, invece, come ricusò il Figlio sulla Croce, è l’atto più elementare.

L’AUTORE

ANTONIO CARULLI (Bari, 1983) è dottore di ricerca in filosofia. Questo è il suo secondo libro. Il precedente, Oggettività dell’Impolitico. Riflessioni negative a partire da Walter Benjamin, è uscito presso lo stesso editore.

collana: Università

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

pp. 120

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.