L’alibi del mito – Un’altra autobiografia di Benvenuto Cellini

Autore

Pagine

pp. 80

12,00

COD: ISBN 978-88-7018-900-1 Categoria:

Descrizione

I protagonisti di questo saggio sono lo scultore fiorentino Benvenuto Cellini, il suo amato garzone Fernando da Montepulciano e tre sculture di marmo realizzate alla metà del Cinquecento: il Ganimede, l’Apollo e Giacinto e il Narciso, oggi al Museo del Bargello di Firenze. Nel racconto dell’ideazione e della gestazione di queste tre statue, lette anche alla luce della produzione poetica dell’artista, l’indagine sugli usi del mito greco nella lussuosa corte di Cosimo I de’ Medici s’intreccia con la storia di un maestro e dei suoi amori illeciti, nati in un’affollata e operosa bottega scultorea fiorentina.

L’Autore

Giuseppe Capriotti è ricercatore di Storia dell’arte moderna presso l’Università degli Studi di Macerata, dove insegna Iconografia e Iconologia. Si è principalmente occupato di problemi di iconografia sacra e profana, di fortuna dell’antico nell’arte moderna, di scultura e intaglio lignei, di pittura antiebraica e antiturca, di pittura e scultura del Risorgimento. Ha pubblicato studi su Vittore Crivelli, Pintoricchio, Lorenzo Lotto, Caravaggio, Domenichino e Mattia Preti.

Collana Università

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

pp. 80

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.