L’insegnamento del Tao

Autore

Pagine

pp. 108

12,00

COD: ISBN 978-88-7018-911-7 Categoria:

Descrizione

Il Tao appare nelle cose come il loro personale essere indiviso: come il modo peculiare e come la forza delle cose. Non c’è cosa in cui l’intero Tao non sarebbe presente come il sé di quella cosa medesima. Ma anche qui il Tao è eterno e senza azione, ma anche senza inazione. Il sé delle cose ha la sua vita nel modo in cui le cose rispondono alle cose. Il Tao appare nell’uomo come l’essere indiviso rivolto a una meta: come la forza unificante che vince ogni allontanamento dai fondamenti della vita, come la forza che tende all’interezza, che ripara ogni frammentazione ed ogni fragilità, come la purificazione che redime da ogni separazione. “Colui che è nel peccato, può purificarsi grazie al Tao”. Come essere indiviso rivolto a una meta, il Tao ha come meta il proprio compimento. Vuole realizzare se stesso. Nell’uomo il Tao può diventare un’unità così pura come non può nel mondo, e nemmeno nelle cose. L’uomo in cui il Tao diventa pura unità è l’uomo compiuto. In lui il Tao non appare più: è.

L’AUTORE

Martin Buber (1878-1965), filosofo e teologo, è stato uno dei più grandi pensatori del Novecento. Tra le sue opere tradotte in italiano ricordiamo: Niccolò Cusano e Jakob Böhme, il melangolo, 2013; Il chassidismo e l’uomo occidentale, il melangolo, 2012; Confessioni estatiche, Adelphi, 2010; Gog e Magog, Guanda, 2010; Storie e leggende chassidiche, Mondadori, 2008. 

Collana opuscula

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

pp. 108

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.